02-Accesso Atti Pratiche edilizie

Ultima modifica 9 maggio 2023

L'accesso agli atti consente di prendere visione e/o richiedere copie di atti e documenti relativi a pratiche edilizie (autorizzazioni, concessioni edilizie, permessi di costruire, DIA, SCIA, CIA, CIL/CILA, abitabilità/agibilità, condoni, cementi armati).

Il diritto di accesso è garantito a tutti i soggetti, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che siano titolari di un interesse diretto, concreto e attuale collegato ad una situazione giuridicamente tutelata e connessa al documento oggetto di richiesta di accesso (es. proprietario, comproprietario ecc.).

Per poter prendere visione degli atti depositati presso gli archivi dell’Ente occorrerà presentare istanza su apposito modello.

Ai fini della verifica del possesso dei requisiti per l’accesso agli atti, ai sensi della L. 241/90 smi e del DPR 184/2006 smi, nell’istanza dovrà:

  • essere indicata la qualità del richiedente (e ove occorra anche i poteri di rappresentanza del soggetto interessato)
  • essere comprovato l’interesse indicando in maniera esaustiva la motivazione per cui viene richiesta la visione degli atti

Nell’archivio storico del Comune di Castano Primo le pratiche edilizie sono depositate in ordine di tipologia, progressivo di anno di presentazione e numero speciale di pratica edilizia. Agli atti risultano depositati titoli edilizi datati a partire dal 1946; per il periodo 1946-1949 la numerazione risulta incompleta e frammentaria; solo dal 1950 la numerazione risulta completa. Il Comune di Castano Primo al momento non è dotato di archivio informatico delle pratiche edilizie ma solo di archivio cartaceo. L’archivio digitale è disponibile solo per i titoli presentati tramite portale SUE a partire a fine giugno 2019.

Ai fini del reperimento degli atti nell’archivio storico dell’Ente, pertanto, nell’istanza di accesso agli atti dovranno essere necessariamente indicati i seguenti dati:

  • tipologia di pratica edilizia: autorizzazione, concessione edilizia, permesso di costruire, DIA, SCIA, CIA, CIL/CILA, abitabilità/agibilità, condoni, cemento armati
  • numero speciale di pratica edilizia
  • anno pratica edilizia
  • intestatario pratica edilizia

Si precisa che non è possibile effettuare la ricerca con numero di protocollo generale o con i dati catastali dell'immobile.

I dati da indicare in istanza possono essere individuati fra la documentazione in possesso della proprietà e/o negli atti notarili.

Ai fini dell’individuazione di detti dati, inoltre, presso l’Ufficio Edilizia Privata sono a disposizione, in libera consultazione negli orari di apertura al pubblico, registri delle pratiche edilizie suddivisi per tipologia di pratica e strutturati per anno pratica edilizia, numero pratica edilizia, nominativo dell’intestatario della pratica ed oggetto.

Nei registri la ricerca può essere effettuata utilizzando i seguenti riferimenti:

  • nominativo dell’intestatario pratica edilizia - non sono indicati dati aggiuntivi relativamente al soggetto quali data di nascita o codice fiscale se non per i titoli più recenti
  • indirizzo (via) – il civico spesso non è riportato - Occorre precisare che l’attuale denominazione di via potrebbe non essere coincidente con la denominazione della via/località alla data di presentazione del titolo edilizio, soprattutto per i titoli più datati
  • numero pratica edilizia/anno - nei registri non sono riportati, se non per i titoli più recenti, date di presentazione e numeri di protocollo generale

Nei registri non è possibile effettuare ricerca puntuale per indirizzo o ricerca per immobile utilizzando i riferimenti catastali.

L’istanza va compilata scrupolosamente in tutte le sue parti, con particolare attenzione nell’indicare i riferimenti per individuare il fascicolo ossia tipologia di pratica edilizia/numero speciale di pratica edilizia (che non corrisponde al numero di protocollazione generale)/intestatario (l’assenza dei dati necessari allungherebbe i tempi di evasione dell’istanza o potrebbe renderla del tutto impossibile).

Qualora in fase di istruttoria dell’istanza vengano individuati dei soggetti interessati alla procedura di accesso agli atti, il termine per la presa visione dei documenti richiesti sarà sospeso per consentire l'epletamento della procedura di notifica ai controinteressati ai sensi e per gli effetti dell'art. 3 del D.P.R. 184/2006 smi. Entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione i controinteressati hanno facoltà di presentare motivata opposizione o formulare osservazioni sulla richiesta di accesso. Decorso tale termine l’Amministrazione, accertata la ricezione della comunicazione, provvede sulla richiesta d’accesso atti.

Entro 30 giorni dalla protocollazione dell’istanza il richiedente verrà informato della disponibilità degli atti per la presa visione, fatta salva l’eventuale tempistica necessaria per la procedura di notifica ai controinteressati.

La visione degli atti viene effettuata su appuntamento da concordare con l’Ufficio Edilizia Privata. Il giorno dedicato all’accesso atti è il mercoledì mattina (fascia oraria 10.00-12:30). La presa visione degli atti dovrà avvenire entro 30 giorni dalla comunicazione di accoglimento dell’istanza; trascorso tale termine il procedimento viene archiviato e l’interessato dovrà eventualmente presentare nuova istanza.

Il richiedente può visionare e ottenere, qualora ne abbia diritto, copia o copia digitale della documentazione di interesse contenuta nella pratica edilizia oggetto dell’accesso, previo pagamento dei costi di riproduzione. Eventuali copie o copie digitali verranno concordate durante la presa visione degli atti. In base della quantità e tipologia di documentazione da riprodurre il Comune potrà avvalersi della collaborazione di ditte specializzate con addebito al richiedente dei relativi costi.

Modalità di presentazione della domanda, costi

L’istanza di accesso atti deve essere compilata e sottoscritta da chi ha un titolo, un interesse giuridicamente rilevante meritevole di tutela rispetto all’immobile oggetto delle pratiche edilizie descritte sulla richiesta. La domanda può essere presentata dal soggetto direttamente o da un suo delegato: legale rappresentante, difensore, procuratore, tutore ecc.

Documenti da allegare

  • copia del documento di identità del richiedente in corso di validità
  • attestazione di versamento dei diritti di segreteria

e solo se ricorre il caso:

  • delega della proprietà
  • atto di nomina ad Amministratore di condominio
  • atto di procura generale o speciale
  • atto di nomina a CTU del tribunale
  • ogni ulteriore documento utile a dimostrare la sussistenza dell'interesse diretto, concreto, attuale alla visione della documentazione
  • ogni ulteriore documento utile all'individuazione delle pratiche edilizie di interesse e/o dell'immobile oggetto dell'intervento edilizio

E’ previsto il pagamento di diritti di segreteria come deliberati annualmente dalla Giunta Comunale pari a:

  • € 15,00 singola pratica
  • € 10,00 per ogni ulteriore pratica edilizia richiesta nella stessa istanza

Costo riproduzione copie/copie digitali

€ 0,25 per atti formato A4 - € 0,50 per atti formato A3 - per formati superiori 0,25 per ogni frazione A4

Il versamento dei diritti di segreteria e dei costi di riproduzione potrà essere effettuato:

  • tramite c/c postale n. 36370203 intestato a Comune di Castano Primo – Servizio Tesoreria
  • tramite c/c bancario IBAN IT 97 I 01030 32420 000063102331 intestato a Comune di Castano Primo – Tesoreria Comunale Banca Monte dei Paschi di Siena Filiale di Arconate;

causale: accesso atti diritti di segreteria oppure copie accesso atti

La domanda oppurtunamente compilata, sottoscritta e corredata dei prescritti allegati, può essere presentata:

  • inviando il modello alla casella di posta elettronica certificata del Comune
  • di persona all’Ufficio Protocollo negli orari di apertura degli uffici comunali

 

A chi rivolgeresi

Ufficio Edilizia Privata

 

Nuovo modello accesso atti_rev23
09-05-2023

Allegato 1,001.17 KB formato pdf